Chiesa Beata Vergine Immacolata

 

parrocchia interno

 

La chiesa parrocchiale dedicata alla Beata Vergine Immacolata, sorge lungo la via principale ai margini del centro storico dell’abitato di Oschiri.

Il complesso architettonico, realizzato agli inizi del 1900 su progetto dell’architetto Antonio Murgia fu realizzato su un precedente impianto risalente al XVIII secolo di cui non è rimasta traccia.

La prima Chiesa fu costruita intorno al 1756 dall’allora parroco Gavino Maxia. Gli arredi interni, furono, in seguito, forniti dal suo successore Pietro Diana, mentre Monsignor G.M. Bua fece realizzare la facciata caratterizzata anch’essa da un portico con un elegante colonnato.

Nel 1862, la Chiesa fu chiusa perché pericolante e si adibì a culto la vicina Santa Croce, sede dell’omonima Confraternita, in cui furono trasferiti anche gli arredi e tutte le statue dei Santi. Tale situazione si protasse per più di quarantanni, nei quali la Chiesa parrocchiale dovette conoscere numerosi rifacimenti e riparazioni.

Nei primi anni del 1900 fu demolita e al suo posto fu eretta l’attuale Chiesa, che fu aperta al culto nel settembre del 1907 e consacrata solennemente l’11 dicembre 1915.


Chiesa della Beata Vergine Immacolata